Cerca la tua vacanza e richiedi un preventivo!

Stornello salentino dal titolo E la lettera ca me testi...

Uno stornello salenino in cui, come meno spesso accade, è la donna a lamentarsi di un amore non corrisposto, si lamenta della disonestà dell'uomo amato.

E la lèttera ca me tèsti...

Videobrano dell'esecuzione di E la lèttera ca me tèsti. Da una collezione denominata Le Cicale e curata da Luigi Lezzi

Testo in dialetto di E la lèttera ca me tèsti...

Testo in italiano di E la lèttera ca me tèsti...

E la lèttera ca me tèsti
jèu l’àggiu fàtta pèzzi pèzzi
e àggiu sapùtu ca me disprèzzi
e n’àddru amànte m’àggiu truvà.

Più bellìna e più lecànte
e più sincèra pe’ fàre l’amòre
e me l’hài dàta la pèna àllu còre
e finché vìvo la voglio ama’. 

Finché vìvo e finchè càmpo
finché esìste la mia vìta
e jò mi vèstu da remìta e prechière pe’ lui farò.

La lettera che mi desti l’ho fatta pezzi pezzi
ho saputo che mi disprezzi
e un altro amante mi troverò.

Più bellino e più elegante

più sincero per fare l’amore
e me l’hai data la pena al cuore
e finché vivo la voglio amare

Finché vivo e finché campo
finché esiste la mia vita
e io mi vesto da eremita
e preghiere per lui farò.