Cerca la tua vacanza e richiedi un preventivo!

Arcu de pratu testo e traduzione di una tradizionale canzone salentina di Bruno Petrachi

Una canzone sui generis, un brano di musica popolare dedicato da Bruno Petrachi al suo amore per Lecce, la sua città, e per i leccesi, suoi concittadini.

La canzone Arcu de pratu venne scritta nel 1938 da Menotti Corallo e fu musicato da suo fratello Gino, era cantato dal Trio leccese.

Poi negli anni Settanta fu reinterpretato da Gino Ingrosso, col gruppo Liscio del Salento.

Il maestro Ingrosso in quell'occasione dovette riscriverne la musica, in quanto lo spartito originale non era più disponibile.

Negli anni Ottanta fu la volta di Bruno Petrachi, quest'ultimo però riprese solo alcune strofe del testo originario, tralasciandone alcune. In origine il brano offriva un fresco e simpatico quadretto di una Lecce che, all'inizio del Novecento, appariva animata e più di viva di quanto si potrebbe pensare.

Ne descriveva i caffé all’aperto, con tante persone che discutono animatamente degli argomenti più vari. Cantava l'arguzia dei leccesi, la loro capacità di riuscire a prendere anche le situazioni più gravi con il sorriso, come il caso del pover uomo che, ormai in rovina e con la casa sotto sequestro, sostituì i mobili di casa con dei blocchi di pietra, facendo rimanere senza parole l'esattore.

Arcu de pratu

Video del brano Arcu de pratu durante la festa del patrono leccese Sant'oronzo, il 24 agosto 1990

Testo in dialetto di Arcu de Pratu

Testo in italiano di Arcu de Pratu

Inne rre Ferdinandu all'arcu te Pratu
lu sindacu tisse presciatu:
"Maestà, quistu è l'arcu"
e iddhru te bottu respuse "che me ne fotto!"
e de tale momentu
rumase alla storia
sta frase ca cantu cu boria
e ùi puru cantati cu mie stu sturnellu
ca dènta ddaveru chiù bellu

Sìmu leccesi core presciatu
sòna maestru arcu te Pratu

La culonna alla chìazza te sieculi ausata
la òsera a 'nforza spustata
santu Ronzu perieddhu s'à fattu capace
ca nuddhru aqquai lassanu a 'mpace
da quei libertini Fanfulla e Peppalu
fujiu Garibaldi a cavallu
e lu Santu ce à ddire "mo' è miu lu pasticciu
ma basta ca a 'nterra nu' spicciu"

Sìmu leccesi core presciatu
sòna maestru arcu te Pratu

La uagnona te mòi, tutta quanta pittata
'nci tène a nu' bessere asata
ma lu sforzu lu face, se quarche carusu
àe prima nì stuscia lu musu
pigghiànduci gustu lu scrupulu passa
e 'ntorna 'mbrazzare se làssa
e poi rite cuntenta uardandu l'amatu
quandu èsse te facce 'nquacchiatu.

Sìmu leccesi core presciatu
sòna maestru arcu te Pratu
Sìmu leccesi core presciatu
sòna maestru arcu te Pratu

 

Versione integrale di Arcu de pratu

Versione integrale di Arcu de pratu

Inne Re Ferdinandu

E all’Arcu te Pratu
Lu sindecu disse presciatu:
“Maestà, quistu è l’arcu”
E iddhu te bottu

Respuse “che me ne fottu!”
E de tale mumentu
Restau pe’ la storia
Sta frase ca cantu cu boria:
E bbui puru cantati

Cu nui stu stornellu
Ca ddenta ddaveru cchiù bellu:

Sìmu Leccesi
core presciatu
sona maestru:
Arcu te Pratu.

‘Gne cafè versu sira
Spetterra te gente
Ci legge, ci parla e ci sente;
Tutti su letterati
Cu lingua a serpente
Te tagghianu tutta la gente
E pe’ ogn’unu ca passa,
Ca trase o ca esse
Nna fila te cuemi ni tesse,
Mo’ perciò stati attenti
De largu passati
Senò puru ui nci ccappati.

La uagnona te moi
Tutta quanta pittata
Nci tene a nu’ b’essere asata;
Ma lu sforzu lu face
Pe’ quarche carusu
Ca prima ni stuscia lu musu,
E pigghianduci gustu
Lu scrupulu passa…
Torna, asa e mbrazzare se lassa…
Ma poi rite cuntenta
Uardandu l’amatu
Ca ndesse de facce nquacchiatu.

Tutti sannu stu fattu
Ma ogghiu lu dicu
Pe’ fare piacere a n’amicu;
Propriu a Lecce nna fiata
Nnu pueru cristianu
Se cchiau senza sordi alla manu;
Stia te tiebeti chinu
Spettà lu sequestru
Perciò n’inne ncapu nnu estru:
Quandu trase l’uscieri
De scemu se rretra
Tuccandu mobiliu te petra.

La culonna alla chìazza
Te sieculi ausata
La olenu an forza spustata
Santu Ronzu perieddhu
S’ha fattu capace
Ca nudhu quai lassanu mpace:
Prima foi Libertini,
Fanfulla inne in ballu
Fusciu Garibaldi a cavallu
E lu Santu cce ha dire?
Mo’ è miu lu pasticciu
Ma basta ca nterra nu spicciu. (rit.)

Pe’ passare n’oretta
De giurnu feriale
Me ndiau ntru llu cinema tale…
Quattru ecchi nci stannu,
Ddo ricche zitelle
E fannu pellicule belle!
La Dumineca a sira
Nna purga annunziata
La gente stae propriu nfucata.
E la cosa se spiega
Ma è megghiu stau cittu
Cchiù cauti se stae ntru llu strittu.

Mo’ cu tantu rreuetu
Palazzi menati
Patruni e nquilini sfrattati
Te iti surgere a bbuelu
Ddu menu te criti
Casedhe te tufi e pariti,
E li pueri cristiani
Pe’ rittu e pe’ stertu
Se cercanu n’autru cauertu.
E cussì Cin Cin Barra
Pe’ stare cuntentu
S’ha mmisu denanti allu centu.

Le caruse leccesi
Su tutte ngraziate
Gentili, sapute, ngarbate:
Cappellini e gingilli,
Lu lussu nu manca
Lu sire periedhu se sbanca…
E la mamma ca spera
Li bueni partiti
Supporta nnu mundu te zziti…
Ma sti giovanottini
Scherzusi e sfessianti
Se squaghianu… e passanu nnanti.

Tra le tante sorprese
Ca sempre truamu
Nna menza culonna ni cchiamu;
Fore porta te Rusce
Rumase chiantata
Ntru Lecce nu nc’era autra strata.
E mo’ a quantu se dice
Nci mintenu susu
Te uardia nnu forte carusu…
Ca se cate la porta,
Ca stae mpuntidhata,
La para e la gente è sarvata!

Isolatu alla chiazza,
L’anticu Sedile,
Se sente murire de bile
A dhu ecchiu tarloci
Nci s’ia ffeziunatu
Te notte ni l’annu zumpatu.
Mo’ lu senu ha rumastu
Pe’ddire canc’era
Facimu nna mesta preghiera…
Peccussì lu leccese,
Uardandu pe’casu
Nu rresta cu tantu te nasu.