Cerca la tua vacanza e richiedi un preventivo!

Festa di San Biagio alla Macchia a Calimera

  • Calimera, dal 03/02/2016 al 03/02/2016

La Festa di San Biagio alla Macchia si celebra a Calimera ogni anno ad inizio di febbraio.

San Biagio benefattore dei carbonai e protettore della gola

In occasione dei festeggiamenti religiosi per San Biagio potrete partecipare alla celebrazione della Messa Santa, e avrete la possibilità di sostare e visitare la vicina Masseria San Biagio, che insieme alla chiesetta semiipogea dedicata al santo e risalente all’anno Mille costituisce un unico insediamento.

Il recupero dell'antica festa religiosa di San Biagio alla Macchia

L'azienda agrituristica di Masseria San Biagio e il Circolo Arci La Sita di Calimera sono i soggetti che si sono adoperati maggiormente per la difesa delle tradizioni popolari legate alla Festa di San Biagio alla Macchia, e grazie a questa opera di rivalorizzazione oggi la comunità di Calimera si riunisce il 3 febbraio di ogni anno per rinnovare il voto e celebrare il santo con canti e danze attorno ad una grande fòcara.

Alcuni video in cui i calimeresi spiegano le ragioni per cui l'antico rito per San Biagio alla Macchia deve sopravvivere

Un video sulla preparazione della Festa di San Biagio alla Macchia

San Biagio benefattore dei carbonai

Il rituale religioso prevede anche che in occasione della ricorrenza della Festa di San Biagio alla Macchia i discendenti dei craunari, ovvero i calimeresi, si rechino a piedi ogni anno almeno una volta verso il bosco di Calimera, per rinnovare l’affidamento a Santu Lasi, ossia San Biagio alla Macchia, così chiamato perché il sito si trova a ridosso di una boscaglia.

Il mestiere di carbonaio era abbastanza diffuso in questa zone del Salento proprio per la ricchezza arborea del territorio, il carbone prodotto qui raggiungeva poi tutta la provincia.

L'antica attività richiedeva specifiche abilità e l'esperienza era fondamentale per la riuscita del processo produttivo, che annoverava diverse fasi, tra cui la ripulitura dalle scorie derivanti dalla lavorazione del carbone, che i calimeresi pesavano, insaccavano e commercializzavano.

San Biagio protettore della gola

San Biagio era venerato come protettore della gola e come benefattore dei carbonai, il santo era medico e vescovo, visse tra il III e il IV secolo a Sebaste in Armenia, a lui, devoti e credenti si rivolgono per la guarigione dalle malattie legate all'apparato della respirazione, tra i tanti miracoli ascritti al santo, vi fu anche il salvataggio di un bambino che stava asfissiando a causa di una lisca di pesce.

Video sulla chiesetta semiipogea di San Biagio

Foto della Masseria San Biagio

masseria san Biagio Calimera

Foto della Fattoria didattica San Biagio

Fattoria didattica San Biagio

Per informazioni dettagliate sulla Festa di San Biagio alla Macchia, specie per le date che possono subire modifiche, è consigliabile consultare il sito ufficiale del Comune di Calimera.

Mappa