Cerca la tua vacanza e richiedi un preventivo!

Festa di San Biagio a Galatina

  • Galatina, dal 02/02/2016 al 03/02/2016

La Festa di San Biagio a Galatina si svolge nella chiesa intitolata allo stesso santo, qui si svolgono le celebrazioni eucaristiche e da qui parte la Solenne Processione.

Panegirico, encomio di San Biagio, processione e benedizione della gola

La Chiesa di San Biagio era un tempo intitolata a Santa Caterina Novella, l'edificio sorge fuori le mura, su piazzale Bianchini che deriva la sua denominazione dalla presenza medesima degli Olivetani che, vestiti di bianco, venivano così indicati, con il nome di Bianchini, dai galatinesi.

Riti religiosi per San Biagio a Galatina

I rituali devozionali in onore di San Biagio includono le Sante Messe, il panegirico sulla vita del santo e la Processione Solenne tra le vie della cittadina.

Il corteo conduce il trittico in cartapesta per le piazze e le strade di Galatina, che per l'occasione vengono addobbate dalle luminarie. Il suddetto trittico risale all'inizio del XX secolo e raffigura il santo, il bambino salvato dal soffocamento e la madre di quest'ultimo, con un evidente riferimento al miracolo più celebre del santo.

Un'immagine del trittico di San Biagio e degli esterni della Chiesa Parrocchiale di Galatina

Un'immagine del trittico di San Biagio e degli esterni della Chiesa Parrocchiale di Galatina

Alcune immagini in un video sulla Chiesa parrocchiale di San Biagio a Galatina

La benedizione della gola dei fedeli con le candele incrociate

Una peculiarità tra i rituali religiosi galatinesi c'è quello della benedizione della gola, che consiste nell'avvicinamento da parte del parroco di turno di due candele incrociate alla gola del fedele pronunciando le parole di benedizione. Il rito a cui partecipa tanta gente presso la Chiesa Parrocchiale di San Biagio è molto radicato nella tradizione locale e sono molti i fedele che sin dal mattino si mettono pazientemente in fila per ottenere la benedizione.

La singolare offerta di prodotti tipici presso la parrocchia

A fine cerimonia, all all'interno della stessa Parrocchia, è possibile degustare alcuni prodotti tipici, preparati dalle sapienti e scrupolose mani delle tante signore parrocchiane mosse da spirito di benevolenza e sempre felici di prodigarsi per gli altri.

Bancarelle, eventi musicali e fuochi d'artificio completano i festeggiamenti

Le strade del paese per l'occasione vengono popolate da bancarelle su cui si vendono oggetti di ogni tipo. Il programma della festa prevede eventi musicali e concerti dal vivo. La cerimonia si chiude con lo sparo dei fuochi di artificio.

Un video girato durante la Festa di Sam Biagio a Galatina

Vita ed intercessioni di San Biagio

San Biagio era medico e in vita fu nominato vescovo di Sebaste in Armenia negli anni a cavallo fra il III e il IV secolo. La leggenda narra che, scoppiata la persecuzione dei cristiani, Biagio si allontanò dalla sua sede vescovile e andò a vivere in una grotta dove guariva con un segno di croce gli animali ammalati.

Scoperto da alcuni cacciatori in mezzo ad un branco di bestie e denunziato al magistrato, venne catturato e rinchiuso in prigione, dove continuò a ricevere e sanare gli ammalati. Un giorno si recò da lui una donna, il cui figlio era sul punto di morire, a causa di una lisca di pesce conficcata in gola, la benedizione del santo lo risanò immediatamente.

Fra i tanti altri miracoli, operati anche durante le torture, va ricordato quello della vedova alla quale un lupo aveva portato via un maialino. La donna, riavuta la sua bestia, in segno di riconoscenza portò dei cibi e delle candele al santo che, commosso, le disse di offrire ogni anno una candela alla chiesa che in futuro sarebbe stata edificata a suo nome, per avere in cambio bene per sempre.

A causa della sua predicazione e fervida fede religiosa, quando il giorno del processo si rifiutò di rinnegare la fede cristiana, i suo carcerieri lo punirono fino alla tortura con i pettini di ferro che si usavano una volta per cardare la lana. E poi fu decapitato nel 316.

San Biagio è anche patrono degli specialisti medici della gola. Visto lo strumento della tortura usato dai suoi aguzzini fino al giorno prima della sua morte, è anche considerato protettore dei cardatori di lana, e paladino degli animali e delle attività agricole.

Per informazioni dettagliate sulla Festa di San Biagio, specie per le date che possono subire modifiche, è consigliabile consultare il sito ufficiale del Comune di Galatina.

Mappa