Cerca la tua vacanza e richiedi un preventivo!

Escursione delle torri costiere salentine

Escursione delle torri costiere salentine

Escursione per la visita delle torri costiere di Porto Cesareo, Torre Chianca e Torre Lapillo. A Gallipoli: Torre Squillace, Torre Sant'Isidoro e Torre Uluzzo, Torre Santa Maria dall'Alto e Torre Santa Caterina. A Santa Maria al Bagno c'è Torre del Fiume o Quattro Colonne. poi c'è Torre d'Alto Lido, Torre Sabèa, Torre San Giovanni la Pedata e Torre Pizzo. Ad Ugento: Torre San Giovanni, PaliTorre Vado, Torre San Gregorio e Torre Marchiello.

 

Prenotate un'escursione che vi permetterà di visitare tutte le torre situate sul Mar Ionio del Salento, le affascinanti e suggestive sentinelle volute da Carlo V durante la dominazione spagnola. Il percorso suggerito è solo un esempio, i programmi sono continuamente aggiornati e suscettibili di variazioni. Selezionate le voci nel seguente box, trovate e prenotate l'escursione che più vi interessa.

 

Escursione delle torri costiere affacciate sui litorali del Mar Ionio

Questa escursione dura in genere due giorni e la visita delle torri si suddivide in due fasi: da Porto Cesareo a Gallipoli la prima giornata e da Gallipoli a Leuca il secondo giorno.

Porto Cesareo e Gallipoli distano 33 km l'una dall'alta, tuttavia il percorso costiero è lungo 54 km; mentre Gallipoli e Leuca distano 46 km ed il tragitto sotto costa è lungo 51 km.

Visita delle Torri vicino Porto Cesareo

Giunti a Porto Cesareo, occorre prima dirigersi a Nord per visitare due maestose torri che dominano un bellissimo tratto di costa: Torre Chianca e Torre Lapillo.

Torre Chianca

Torre Chianca

Entrambe hanno un impianto monumentale a base tronco-piramidale, toro marcapiano e un piano superiore chiuso da una cornice con caditoie.

La torre di Porto Cesareo è però ubicato nel cuore dell'abitato e mantiene inalterate la sua imponenza e la sua austerità.

Procedendo verso Sud alla volta di Gallipoli, si possono visitare numerose torri, tutte caratterizzate da base tronco-piramidale e piano superiore con feritoie e caditoie, poste a guardia di litorali incantevoli, ma ideali, a causa delle piccole insenature, per le incursioni dei pirati.

Degne di nota in questo tratto di costa sono Torre Squillace, Torre Sant'Isidoro e Torre Uluzzo, posta nel parco naturale di Portoselvaggio; Torre Santa Maria dall'Alto e Torre Santa Caterina poste a difesa di un tratto di costa tra i più amati dai turisti.

Le Torri costiere tra Porto Cesareo e Gallipoli

Torre Santa Caterina

Torre Santa Caterina

Si giunge così a Santa Maria al Bagno, piccola località turistica un tempo porto romano, difesa dalla superba Torre del Fiume, nota anche come Quattro Colonne.

Torre del Fiume di Galatena o Quattro Colonne

Torre del Fiume di Galatena o Quattro Colonne

La torre, in realtà un fortino con corpo centrale quadrangolare e quattro torrioni agli angoli, fu edificata tra il 1595 e il 1606. Crollato il corpo centrale, restano a sua restano solo questi affascinanti ruderi.

Prima di Gallipoli si incontrano Torre d'Alto Lido, a base tronco-conica e Torre Sabèa a base tronco-piramidale con cornice aggettante e caditoie.

Torre Sabea

Torre Sabea

Le vedette di Gallipoli

Si giunge così a Gallipoli, le cui fortificazioni rappresentano la punta di diamante del sistema difensivo della costa ionica salentina.

Fino a Santa Maria di Leuca è tutto un susseguirsi di torri, ora restaurate e fruibili, ora ridotte a ruderi, ma che conservano inalterato il loro fascino. A Sud di Gallipoli, a difesa della Baia Verde, si trovano Torre San Giovanni La Pedata e Torre Pizzo, caratterizzate da base tronco-conica e piano superiore con caditoie.

Le sentinelle di pietra lungo il litorale di Ugento

Si giunge così sul tratto di costa di Ugento, antica città messapica dell'entroterra che disponeva di un porto, denominato Uxentum, dove attualmente si trova Torre San Giovanni con base poligonale e piano superiore con caditoie. Alle marine di Ugento appartengono anche Torre Mozza e Torre Pali, ridotte ormai a ruderi.

Torre Pali

Torre Pali

Si giunge così sul versante ionico del Capo di Leuca, protetto da ben tre torri: Torre Vado, una sontuosa torre a base tronco-conica, con piano superiore inquadrato da toro marcapiano e da una cornice con merlature; Torre San Gregorio, l'antico Porto di Veretum, che domina dall'alto un bellissimo tratto di costa e si presenta quasi come una gentile dimora di campagna; Torre Marchiello a base circolare, della quale restano solo i ruderi.

Le torri costiere a Leuca

Giunti a Santa Maria di Leuca si torna a Maglie e a Lecce (SS 275- SS 16).

Un video per mostrarvele tutte

  • Luogo di incontro

 Porto Cesareo. 

  • Località interessate

La costa ionica da Porto Cesareo a Santa Maria di Leuca.

  • Soste previste

Le soste sono di volta in volta concordate in base ai tempi di permanenza presso ciascuna torre.

  • I clienti che lo desiderano possono

Scegliere di gustare i piatti tipici della cucina salentina: pranzi, cene e aperitivi vengono organizzati su richiesta.

Decidere di prolungare il soggiorno prenotando una camera in hotel, bed and breakfast oppure in appartamento. Una serie di ristoranti e strutture ricettive vengono suggeriti da SalentoViaggi.it su questa stessa pagina.

  • Informazioni utili

Si consiglia di indossare abiti e scarpe comode e di prestare molta attenzione alle indicazioni del personale che accompagna e della guida.