Cerca la tua vacanza e richiedi un preventivo!

Cosa visitare a Martano

Palazzo Chiriatti attualmente Corina (angolo Via Calimera e Via Nizza)

Il complesso costituisce uno dei più interessanti interventi urbanistici della seconda metà dell’Ottocento. Il palazzo con annesso cortile, infatti, si imposta come un cuneo lungo la viabilità che portava alla volta di Calimera e fuori dall’abitato. Edificato a partire dal 1887 da Tommaso Chiriatti su disegno dell’ingegnere Ernesto Lubelli, il complesso, di fatto mai completato, ha la capacità di configurare un pezzo dell’abitato, infatti si erge poco fuori dall’abitato, un tempo circondato interamente da campagne, quasi ad anticipare, a chi entrava in paese da Calimera, l’eleganza e la ricchezza di Martano. L’intero edificio si presenta articolato su due registri. La facciata del piano basso presenta un elegante e possente porticato che si imposta su tre robuste arcate sulle quali si apre un terrazzo a disposizione del piano superiore. Lungo le tre facce a vista dell’edificio si aprono alte porte di ingresso e un elegante portale lungo Via Calimera che immette nell’androne centrale, caratterizzato da un elegante porticato sul quale affaccia, leggermente arretrato, il piano nobile. Gli esterni si presentano scanditi da un robusto bugnato che, interrotto da una elegante cornice che corre lungo tutto il perimetro dell’edificio, lascia il posto ad un bugnato meno accentuato del piano superiore. Notevole l’impiego di lesene bugnate e a fusto liscio che scandiscono gli spazi tanto del piano terra quanto del piano superiore. Ancora lungo Via Calimera, in corrispondenza degli ingressi principali, le finestre del piano superiore presentano eleganti balconi sorretti da mensole con volute vegetali. Affacciato verso l’abitato si trova l’elegante giardino un tempo luogo di delizie e passeggiate per i ricchi proprietari. Sospeso tra tardo neoclassicismo, al quale attingono a piene mani altre residenze gentilizie del paese e l’eclettismo tipicamente tardo ottocentesco Palazzo Chiriatti si presenta come uno dei migliori esempi di edilizia ricco borghese della zona.