Cerca la tua vacanza e richiedi un preventivo!

Cosa visitare a Martano

Cappella della Madonna degli Angeli (ubicata nel cimitero monumentale di Martano)

L’elegante edificio, datato al 1721, trova collocazione al centro del cimitero monumentale che merita una ossequiosa e deferente visita a sé. La cappella presenta una elegante facciata composta da un notevole portale centrale munito di cornice con rosette e un interessante e raffinato fastigio con volute vegetali. Nella parte alta trova posto un raffinato finestrone munito di stipiti delicati che rompe la linearità del cornicione ed emerge con due volute che richiamano quelle del portale sottostante. Interessante, al centro, il simbolo del serpente che si morde la coda, creando un cerchio simbolo del ciclo di morte e resurrezione. A scandire gli spazi quattro possenti paraste di ordine gigante che percorrono tutta la verticalità della facciata trovando soluzione in eleganti capitelli di stile ionico, mentre una semplice, ma raffinata trabeazione conclude l’edificio. Nella parte alta, ai lati del finestrone, trovano posto le insegne araldiche della famiglia Venneri - Stomeo e dell’Università di Martano. L’interno presenta pianta ad aula con volta a stella e con un unico altare dedicato alla Vergine degli Angeli della quale ricorre una notevole e pregevole statua in cartapesta in una teca di vetro. Al centro dell’altare si trovava una tela raffigurante le Anime del Purgatorio di notevole fattura, purtroppo trafugata. Il perimetro interno della chiesa si presenta caratterizzato da un semplice cordoncino di coronamento mentre due finestre illuminano l’ambiente. Abbandonata per un breve periodo la cappella è stata riaperta al culto nel 1849. La soluzione della facciata, molto simile alla Chiesa della Madonnella sempre a Martano, permette di individuare la mano del “clan Margoleo”, nota famiglia di abilissimi costruttori. La scelta del finestrone che, con le sue volute e la cornice, sfonda di fatto il cornicione, è una soluzione stilistica e architettonica sovente applicata dai Margoleo.