Quant'ave, testo e traduzione di una pizzica salentina

Un canto che rientra tra le melodie d'amore della Pizzica salentina.

Quant'ave

Rubrica dedicata a video testi e traduzioni della musica popolare salentina.

Video dell'esecuzione di Quant'ave

Quant'ave eseguita dagli Alla Bua in uno dei concerti estivi del Salento, Sagra di Strudà 2011

Testo in dialetto Salentino di Quant'ave
Testo tradotto in italiano di Quant'ave

Quant’ave ca nun passu te sta strata

dde cc’è sse maritau la beddha mia.

Quannu alla chiesa matre la purtara
commu nna cagnulina te retu scia.

E quannu l’acqua santa li manara
‘ncora le spiranze ieu tenia.

Quannu l'anellu a manu li calara

Ancora le speranze le tenia

Quannu la ucca soa jie disse sine
chiagiti uecchi mei nun è cchiù mia.

Tronu dde Marzu li pozza catire
a ci foe ca me scucchiau te la mia amore.

Terra cu nnu lu pozza mantinire
sule cu nnu lu pozza cchiu scarfare.

Lu liettu addhu se curca sia te spine
lu capitale te petra ‘nfernale.

A mienzu a mienzu cu sse troa nnu stile
cu li trapassa l’anima e llu core!

Da quanto tempo non passo da questa via da quando la mia bella si è sposata.

Quando la portarono alla chiesa madre gli andavo dietro come una cagnolina.

Quando la benedirono con l’acqua santa avevo ancora delle speranze.

Quando le misero l’anello nelle mani dalla mia bocca ancora usciva un sorriso.

Ma quando dalla sua bocca usci un sì occhi miei piangete perchè non è più mia.

Tuoni di Marzo gli possano cadere addosso a colui che mi separò dal mio amore.

Possa la Terra mai mantenerlo e che non ci sia sole che possa più scaldarlo.

Il letto dove dorme sia di spine e il cuscino di pietra infernale.

In mezzo, in mezzo si possa trovare ad un pugnale che gli trapassi l’anima e il cuore.