Camina Ciucciu testo e traduzione di una pizzica salentina

Un canto di musica popolare che accompagnava gli uomini durante le faticose ore di lavoro, l'aria intonata dal carrettiere seriviva ad esorcizzare la fatica dei campi, i muli erano i fedeli compagni di lavoro, a volte infedeli, perchè non assecondavno la volontà dell'uomo, da qui nasce l'invito a camminare, a muoversi

Camina Ciucciu

Video e audio di un antica aria reinterpretata dal gruppo di musicisti I Calanti

Video e audio di un antica aria reinterpretata dal gruppo di musicisti Scantu de Core

Testo in dialetto di Camina Ciucciu

Testo in italiano di Camina Ciucciu

Camina Ciucciu camina
nu te mputtiggiare ca imu scire

Estute de centu culuri
sta scianu cantandu tante illane

Subbra a na trainella
ca pare nu fiuru de campagna
cu canti ccumpagnate
de nu terrasare de cecale

Comu petali de fiuri
le farfalle scianu ulandu
Comu petali de fiuri…

Paparine, dammene mille e chiui
ca parenu russe russe
propriu comu a tante ucche...

Subbra a na trainella
ca pare nu fiuru de campagna
cu ssoni discitati
de nu starcagnare de campane

comu gemma de lu core
la rugiada scia calannu
comu gemma de lu core

Paparine dammene mille e cchiui
ca parene russe russe,
ca parene russe russe

Paparine dammene mille e cchiui
ca parene russe russe,
ca parene russe russe
propriu comu tante ucche

Cammina asino cammina
non ti impuntare che dobbiamo andare.

Vestite di cento colori
andavano cantando tante villane

Sopra una trainella
che pare un fiore di campagna
con canti accompagnate
da un frastuono di cicale

Come petali di fiori
le farfalle volavano
Come petali di fiori…

Paparine, dammene mille e più
che sembrano rosse rosse
proprio come tante bocche...

Sopra una trainella
che pare un fiore di campagna
con suoni che risvegliano
ad opera di un rumore di campane

come gemma del cuore
la rugiada scendeva
come gemma del cuore

Paparine, dammene mille e più
che sembrano rosse rosse
che sembrano rosse rosse

Paparine, dammene mille e più
che sembrano rosse rosse
che sembrano rosse rosse
proprio come tante bocche